Addendum alla proposta di legge sul diritto all’autodeterminazione degli oggetti – Sephira Riva

In un quasi obsoleto centro di ricerca gli scienziati Ena, Ahmed e Nadia vengono incaricati dai ‘foresti’ di effettuare un reverse-engineering di un oggetto misterioso. Cos’è questo? Chiedono gli alieni. Già, cos’è? Chiedono i ricercatori, cercando di capirci qualcosa.

Un racconto corto, quasi più corto del titolo, malinconicamente ironico e comunque interessante da leggere. Una copertina che mi ha ricordato vagamente Il ciclo di vita degli oggetti software e che forse c’entra poco con il racconto. Recensioni e sinossi che parlano dell’uso della schwa portandoti un po’ fuori strada perché, ok, bene ma francamente l’ho trovato poco rilevante ai fini della storia e del mood generale del racconto.

Cosa succede? I protagonisti devono scoprire la natura di un oggetto alieno, un Qualcosa che cambia forma e di cui nemmeno i foresti, gli alieni che arrivando hanno reso obsoleta la scienza terrestre, riescono a decifrare la natura.

Qui sta il tutto, ma non è poco. E seguiamo i dubbi e le teorie di Ena, Ahmed e Nadia mentre cercano di interpretare, capire, trovare una risposta. Scientifica o filosofica.

Facile nel testo ma non facile nel contenuto. Piacevole, divertente e un po’ triste al tempo stesso.

Una buona lettura, purtroppo forse troppo corta. Un paio di capitoli in più non mi sarebbero dispiaciuti.

6 risposte a "Addendum alla proposta di legge sul diritto all’autodeterminazione degli oggetti – Sephira Riva"

Add yours

Esprimiti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: