La quinta di The Expanse

Mentre si faticano a contenere le ondate di colonizzatori che attraversano l’Anello, la Marina Libera della Fascia è ormai una realtà. La flotta di Marco Inaros minaccia le fazioni che non intendono prendere parte al prossimo conflitto e, con l’aiuto di una fazione irregolare di marziani, mette le mani su tecnologie che gli permettono di sferrare un attacco inaspettato e devastante alla Terra. È l’inizio di una guerra aperta? Nel frattempo l’equipaggio della Roci è sparso nel sistema solare. Holden è sulla Tycho in cerca di infiltrati; Alex indaga su Marte insieme a Bobbie; Amos torna sulla Terra per sistemare alcune cose e fare visita a Clarissa Mao; Naomi si mette alla ricerca del figlio.

Una stagione che si rifà (posso sbagliare, non ho letto tutti i romanzi, dovrei rimediare) a Nemesis Games, spettacolare e particolarmente intensa. Secondo i piani della produzione è la penultima e ci prepara, quindi, a un gran finale. Ci vengono sottratti due personaggi pesanti, ma ormai siamo abituati a soffrire sempre qualche perdita.

Abbiamo Marco Inaros, il super cattivone con il look da spacciatore colombiano anni ’80 che arriva direttamente da Miami Vice. Un vero bastardo che nasconde dietro agli slogan patriottici un banale, brutale e sadico desiderio di potere.

Abbiamo di nuovo Clarissa Maio con un cambio drastico di carattere che non mi ha convinto del tutto. Insomma, tutto ok, davvero? Clarissa finisce, un po’ per caso e un po’ meno, sotto l’ala protettrice di Amos, ovvero un posto dove tutte le persone ragionevoli vorrebbero stare. È un passo verso l’ingresso nella crew della Roci? Stiamo a vedere.

Poi c’è Bobbie, sfruttata a mio parere troppo poco e male. Anche se, cosa vuoi farci con una ex-marine marziana? A questo punto Marte è praticamente un pianeta allo sbando, così come i marziani. Ed ha perfettamente senso, se ci pensi. Una società estremamente rigorosa che è cresciuta con l’unico scopo di rendere abitabile un pianeta all’improvviso si vede di fronte all’opportunità di avere a portata di mano un numero altissimo di pianeti abitabili. Viene voglia di mollare tutto oppure no?

Holden non pervenuto, nel senso che fa poco rispetto alle precedenti stagioni. Poi, vedere uscire la Roci a caccia solo a partire dal sesto episodio è stato un colpo al cuore. Fatelo volare, questo gioiello!

Naomi ha un ruolo molto più importante, ma mi è piaciuta meno. Ok, c’è un colpone di scena grosso così che mi ha fatto trattenere il fiato per un pezzo e sul finale finalmente la nostra eroina ci regala tanta tensione, ma per il resto della stagione ci propone anche tanto melodramma che (forse) un pochino stona con il personaggio per come lo abbiamo conosciuto finora. Non un’altra Michael Burnham, ok? Grazie.

E la mia ragazza preferita? Camina Drummer, che pur interpretata da uno scricciolo come Cara Gee riesce letteralmente a riempire lo schermo. Drummer si fa carico di un dramma quasi analogo a quello di Naomi, ma che funziona meglio. Divisa tra la lealtà verso la Fascia, il desiderio di vendetta, il senso di giustizia e la responsabilità verso un equipaggio che ama come fosse una famiglia (sì, Drummer è in grado di amare con una forza devastante), ecco un personaggio che davvero ha dato intensità a questa stagione. Non vedo l’ora di vederla spaccare tutto, quando sarà il momento, e spero solo che non finisca male. In ogni caso rimane il mio personaggio preferito, forse, di tutta la serie.

Per il resto una bella stagione, con un avvenimento altamente drammatico, epocale, forse smorzato solo dalla frammentazione dell’equipaggio della Rocinante. Ho sentito la mancanza di Thomas Jane e David Strathairn, ma il resto del cast ha fatto comunque un eccellente lavoro. Rimane piacevole il fatto che non ci sia mai un solo protagonista ma la storia sia portata avanti in modo corale.

E ora non vedo l’ora di gustarmi la sesta e ultima stagione.

14 risposte a "La quinta di The Expanse"

Add yours

Esprimiti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: