Attacco di FOMO?

Paura di aver perso qualcosa, vero? Allora ecco un post pieno zeppo di link a cose.

Mentre il Carnevale di Binazzo impazza (anche quello di Cento, che quest’anno è un po’ sottotono ma non dirlo troppo in giro altrimenti si offendono), faccio cose che non necessariamente finiscono sui social.

È strano come le cose più interessanti che ho visto negli ultimi tempi mi siano state suggerite da un blog dedicato all’horror. Strano perché l’horror è un genere che sto schivando da anni (ad eccezione del fantastico e dei fantasmi) e che si è rintanato in un mucchio di libri non letti e film non visti. Comunque, dicevo, le cose interessanti le sto trovando andando a leggere i post di Lucia Patrizi nel suo bellissimo blog Il giorno degli Zombi. Tramite questo blog ho scoperto quei gioiellini che sono Cold Skin e The Terror e, ultimo della serie, Anna and the apocalypse. Ora, io ho sviluppato una certa avversione per le apocalissi zombie. Perché sono saturo. Perché mi hanno stufato. Perché ci sono zombie + qualcosa in ogni anfratto, in ogni scaffale del supermercato. Pensa a zombie + X ed esiste. E io guardo da un’altra parte. Ma con Anna and the apocalypse (che propone la combinazione Zombie + Natale + Musical) ho dovuto fare un’eccezione e sono stato ripagato. Un film adorabile, una colonna sonora che ancora canticchio e che mi sono appuntato su Spotify (la-la-la no such thing as an Hollywood ending…), un’attrice protagonista da tenere d’occhio perché prima o poi diventerà famosa. Grazie ancora, Lucia, per le dritte.

Poi non so tu, ma tra siti web, blog e feed di vario genere, io le riviste le ho abbandonate completamente. Quasi completamente. Fa eccezione, perché le eccezioni servono, questa Wireframe Magazine insieme alle ‘cugine’ Hackspace e MagPi. Argomenti interessanti, bel formato, versione digitale gratuita. Consigliate tutte e tre, se ti piace l’argomento hacking, svilupping, gaming.

Ho finito di vedere, a spizzichi e bocconi, la terza stagione di Into the badlands. Ammetto di aver fatto più fatica rispetto alle precedenti due stagioni, che ho divorato. Mancano alcune cose che avevano fatto la fortuna della serie. Il personaggio di Sunny è stanco, le nuove idee sono fiacche, le battaglie campali rendono meno dei piccoli scontri, e si sente tantissimo la mancanza di Marton Csokas. Tutto questo per accorgermi che la terza stagione non è finita. Uff.

Altra serie che ho finito di vedere da poco è l’undicesima di Doctor Who. Ne parlavo su Twitter insieme ad amici di Twitter. In generale non ci siamo, ma è necessario portare pazienza e aspettare che aggiustino il tiro. Il problema è che, se il gradimento è già alto, non si veda il bisogno di aggiustare il tiro. Ahi. Oh, è arrivata anche su Rai4 in tempi umani (ma col solito pessimo doppiaggio).

Io, come dire, sto ancora scrivendo quel romanzone ucronico che è Cavalli più veloci. Ammazza quanto tempo mi prenderà. Ma non demordo, bisogna tenere duro. Scrivere poche righe sempre. Magari lo intervallo con qualcosa di corto.

Intanto sto anche riprendendo a disegnare, montare video con mio figlio maggiore che fa le cose spericolate, mettere in piedi qualche animazione. Cercavo anche un motore per videogiochi, ho un’idea carina che mi sfrucuglia, ma il problema è che il requisito per questo motore sta diventando ‘l’unico motore che sia in grado di girare sul vecchio e glorioso (ma vecchio) laptop’. (ah, Superpowers gira)

Ah, e poi sto preparando di nuovo una newsletter perché sento il bisogno di un posto nascosto, dietro l’angolo, dove fare festa tra pochi fortunati. Birra gratis e spiedini.

Oh, altra cosa divertente: ho trovato un relaunch funzionante del mitico Habitat della LucasArts! Si chiama Neohabitat. Se non sai cosa è Habitat, sappilo. Parliamo dell’antenato di tutti i MMORPG (non è un rutto, si chiamano così).

Nel frattempo è uscita questa cosa fantastica: una versione edulcorata di Deadpool, una che non debba proibire ai miei figli. Si chiama C’era una volta deadpool ma, porca miseria, costa tantissimo. Aspetterò.

Ah, non sai cos’è il FOMO? Ma ti devo spiegare tutto? È la paura di perderti qualcosa, quella che ti spinge a fare refresh della tua pagina social ogni trenta secondi. Se ne soffri, rilassati. Non succede mai niente di davvero importante. E se succede, te ne accorgerai.

4 risposte a "Attacco di FOMO?"

Add yours

Esprimiti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: