Il dono di Farhome – Ted White

Questo romanzo è l’unica roba che ho letto di Ted White, scrittore di fantascienza attivo negli anni ’60 e ’70 che, a parte la vittoria di uno Hugo per della fan fiction, non ha contribuito in maniera troppo incisiva alla letteratura fantascientifica.

La vicenda è organizzata come un thriller, con il protagonista Tad Dameron che deve indagare sulla scomparsa dell’ambasciatore della colonia terrestre proveniente dal pianeta Farhome. La ricerca lo porterà a conoscenza di un segreto sconvolgente, in grado di cambiare le sorti del pianeta.

Non vado oltre perché gran parte del valore del romanzo si gioca proprio sul mistero e sul ‘segreto’ proveniente da Farhome ma soprattutto sul colpo di scena nel finale. Pur essendo comunque un romanzo decente, si tratta di una scommessa rischiosa. Perché in effetti, una volta scoperto come va a finire, non c’è né questo gran stimolo né a ricordare la vicenda né a riprendere in mano il libro.

E il piccolo e leggero Urania, che mi ha accompagnato per qualche ora di divertimento, scompare da qualche parte, una libreria o uno scatolone, dimenticato. Davvero, non so più dove è finito. Forse lo ripescheranno i miei nipoti, o i miei figli, quando ripuliranno casa. O forse l’ho già dato via. In prestito o in regalo. Bho, non so.

 

3 risposte a "Il dono di Farhome – Ted White"

Add yours

  1. Non l’ho letto, ma ti dirò: storie del genere, se mi sono piaciute, mi capita di riprenderle ogni tanto.
    Come i racconti di Lord Darcy, dei gialli in ambientazione ucronica con magia scientifica (è magia, ma si comporta come una legge fisica): anche conoscendo già i finali, mi piace ributtarmi nell’ambientazione e rivedere i meccanismi dei racconti più carini 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Lo faccio anch’io, per carità, ma per rileggere un libro del genere ho decisamente bisogno che ci sia qualcosa di più del finale a sorpresa. In questo caso, pur avendo perfettamente impresse nella memoria le scene finali, non sento questa voglia di recuperarlo.
      E poi, come dicevo, non so nemmeno dov’è finito. 😉

      Piace a 1 persona

Esprimiti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: